.
(...) vecchia (e stanca) bio contadina part time,
considero il blog una finestra come le altre che ho in casa e,
per chi guarda da fuori, una stanza al pari di un'altra.
bella o brutta che sia,
mi soddisfa e tanto mi basta.

giovedì 16 agosto 2012

voli interrotti

ero abituata a vedermi ronzare intorno questo insetto che chiamo calabrone nero, ma potrebbe trattarsi di Xylocopa violacea altrimenti detta ape legnaiola.
poi l'altro giorno l'ho "beccato" sul terrazzo di casa e poi di nuovo nell'orto.
sono sicura che sia lo stesso o voglio pensare che sia così, perchè continuando a frequentarci un po' ci riconosciamo.



è instancabile e voracissimo, ma per il resto assolutamente innocuo, anzi piuttosto giocoso.
quando raccolgo i fagiolini si sposta da un fiore all'altro in modo da starmi vicino ma senza disturbare il mio lavoro andando e venendo a volte anche molto lontano per poi tornare a curiosare.
pare gradire molto i fiori di verbena e molto poco i rumori "artificiali" in particolare, quelli del traffico, pare lo spaventino moltissimo, alla faccia di chi dice che ci si abitua a tutto.

teti in avvistamento della poiana (sette anni che cerco di riprenderla) quando fa il saluto la sole

20 commenti:

  1. Anche il mitico photographer, un maniaco della tecnica fotografica fino all'inverosimile, da un tempo immemorabile sta cercando di fotografare una poiana. Vi farò conoscere. Picchialo pure.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. volentieri (scegli tu, volentieri lo picchio o volentieri lo incontro:)

      Elimina
  2. ahh la corrieraaaaaa ...
    cmq nn è lo stesso ma il suo gemello, sai che i calabroni neri nascono sempre gemelli ...
    LaGatta 'tempi fa' ne mangiò uno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ennnò che nooon lo sapevo!
      se così è ___ naaaaaaaaaaa, non può essere!

      Elimina
  3. vieni a parlare anche con quelli che bazzicano qua... non sono molto amichevoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti credo anch'io che dipenda dalla mia innata antipatia e malvagità se i più "grami" mi rispettano e si tengono a debita distanza:)

      Elimina
  4. e le malefiche vespe che ti disturbavano dentro casa, sono sparite?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a parte il numero esorbitante di visite che mi porta l'aver parlato di quella vespa, no, direi che quest'anno l'ho scampata.
      c'erano un paio di nidi che si sono schiusi ma ho cacciato all'istante il neo nato e pare tutto tranquillo sia in casa e sia fuori (ricordi che ce n'era una specie che si intrufolava ogni tanto anche qui?, beh, volatilizzata! :)

      Elimina
    2. Lo ricordo anch'io quel...tipo di vespa! Già.

      Elimina
    3. ssssssssshhhhhhhhh anzi zzzzzzzzzzzzzzzz:)

      Elimina
  5. Risposte
    1. sì, tu tienilo fermo e io lo picchio:)

      Elimina
  6. mi immagino pure che tu ci parli sai...tutti i gg :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo!
      ovviamente è un linguaggio non verbale, ma ci si intende anche meglio;)
      (sarà per quello che con gli umani mi intendo sempre meno:)

      Elimina
  7. mi sa che gli umani in genere ascoltino solo loro stessi e sono sordi agli altri... sicchè

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sicchè faccio bene a scegliere interlocutori "senza parola";)

      Elimina
  8. ah ma loro parlano...e tu li capisci :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah, sì, possiamo dire di sì, tanto nessuno può smentire, interessati compresi:)

      Elimina
  9. ho visto il video! è uno spettacolo, anche il violino di accompagnamento dà il suo effetto
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie!
      beh, cerco di cimentarmi al mio meglio, ma senza alcuna pretesa.
      più che altro seguo i miei disordini mentali:)
      il brano aggiunto è una improvvisazione live di david garret.

      Elimina