.
(...) vecchia (e stanca) bio contadina part time,
considero il blog una finestra come le altre che ho in casa e,
per chi guarda da fuori, una stanza al pari di un'altra.
bella o brutta che sia,
mi soddisfa e tanto mi basta.

giovedì 28 febbraio 2013

cri_cri

secondo gli esperti l'invasione dei grilli che si sta verificando di recente è in parte dovuta alla siccità e in parte all'incremento di coltivazioni che li attirano.
il problema si sta facendo da serio a drammatico sia perché sono senza antagonisti naturali e sia perché, in quanto onnivori, trovano facilmente di cosa sfamarsi in campagna come in città.
inoltre, alcuni li allevano per via del fatto che sono parte della dieta di rettili e anfibi e chi di noi vive senza un boa o una salamandra in casa?
insomma a questa specie dovremo intanto abituarci e poi conviverci, quindi tanto vale approfittare dei vantaggi che ci offre.
intanto, sono buoni da mangiare.

ecco allora che può essere utile conoscere alcuni trucchi per garantirsi un risultato di ottima qualità con minor spesa, sapendo però che sono rumorosi e maleodoranti.

per iniziare occorrono da 50 a 100 esemplari suddivisi tra maschi e femmine, un contenitore con le pareti liscissime (sennò si arrampicano) e di dimensioni tali da poterne contenere max 200 (altrimenti si ammazzano tra di loro, lo stesso se non trovano cibo).
tenere umide le uova, fornirgli nascondigli, evitare di farli scappare durante le frequenti operazioni di pulizia, mangiarli solo dopo che si sono accoppiati e hanno fatto i grillini.

personalmente mi sono simpatici, a parte quello parlante che ho sempre detestato, gli altri per me possono benissimo stare dove gli pare.
a esser maliziosi si potrebbe leggere una sottile metafora nel post.
è vero ed è pure intenzionale.
se della massa è quasi del tutto impossibile dare un giudizio o farsi una minima idea della sua composizione da tanto è vasta e variegata, al grillo parlante vorrei invece far sapere che a esser garbati non si perde la faccia, basta un no, chi deve capire, capisce.
poi vorrei anche dirgli che quando si va a giocare a canasta, pretendere le regole del ramino è sleale.
infine vorrei fargli presente che è in nome di un miglioramento che si è presentato e ha avuto successo quindi ipotizzare di uscirne con il mago zurlì come capo di stato, un esorcista premier di governo, moira orfei al senato e otelma alla camera fa ridere tutti e soprattutto fa male per primo a chi ha (per me, dissennatamente) creduto ai suoi berci.

PS per un approfondimento (che mi sento di condividere, sebbene con minor enfasi e maggior sintesi)  CLICK

6 commenti:

  1. E cresceranno ancora di numero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tra uova le di caimano e quelle di grillo, non si sa più dove mettere i piedi:(

      Elimina
  2. Ah ah ah ah! Mi fai morire! Dopo leggo tutto giuro! Per il momento mi fermo al titolo che devo preparare la cena!
    Paola

    RispondiElimina
  3. Io però non ho né boa né salamandra...ho un giaguaro......................
    Paola

    RispondiElimina
  4. ...ma perché i grilli giocano anche a carte?
    Alla fine l'ho letto tutto.
    Vado vado!
    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. azz paola!
      stai alle metafore come io sto a maria callas!
      :)

      Elimina