.
(...) vecchia (e stanca) bio contadina part time,
considero il blog una finestra come le altre che ho in casa e,
per chi guarda da fuori, una stanza al pari di un'altra.
bella o brutta che sia,
mi soddisfa e tanto mi basta.

giovedì 19 dicembre 2013

babbo natale c'è


(e meno male che non ha il porto d'armi)



una mini rassegna stampa delle principali notizie odierne sembra confermare che l'apporto dei nuovi media e la conseguente simultaneità che viene data alla comunicazione di notizie più o meno amene comporta che si dica e si legga o si ascolti di tutto e il contrario di tutto.
la notizia del giorno è la fuga su una panda di un pericoloso serial killer semi infermo di mente.
a questo punto tanto vale aggiungere un emendamento alla legge di stabilità che dichiari che babbo natale esiste così poi sarà più semplice concepire e accettare le assurdità insite nei meccanismi informativi e in quelli della burocrazia e delle prassi in uso nelle istituzioni di ogni ordine e grado.
tutte le testate riportano il profilo del ricercato e solo en passant il dettaglio che, per nonostante i suoi efferati delitti, stava per tornare in libertà a prescindere dalla sua attuale fuga.
che nel carcere in cui era detenuto, nessuno sapeva chi e cosa avesse fatto, anzi fosse ritenuto un detenuto modello e che nella sua lunga carriera da carcerato più volte aveva approfittato di un permesso, ottenuto chissà per quale motivo, per evadere.
ora verrà, forse, riacciuffato per poi essere rimesso in libertà ad aprile 2015 in perfetto stato mentale?
e il direttore del carcere di Genova che scende dal pero?
sarà rimosso, promosso o lasciato in balia del suo delirio?

seconda notizia l'assessore abruzzese che per contratto obbliga una segretaria a fare sesso quattro volte al mese con lui in cambio di trentasei mila euro l'anno.
esilarante la difesa della vittima: "era ossessionato da me, mi ha costretto ad accettare, avevo paura".
ma paura di che?

la terza notizia è un pot pourri di beghe inconcludenti accomunate dal buon senso perduto.
dall'autodifesa di Boldrini all'acceleratore di Renzi e tutti i vari cambi di marcia e le soste per caricare questo o quello cammin facendo come di consuetudine anche quando si andava per l'altro verso.
dal carciofo esplosivo che ha terrorizzato una casalinga di Lecco (ma anch'io mi sento un po' scossa) all'Europa che giustamente cazzia l'Italia per il trattamento riservato ai profughi di Lampedusa fino all'accordo sulle nuove norme bancarie (da approvare) che sfido chiunque a interpretare e comprendere evitando di pensare che sia e sarà l'ennesimo ciambellone a favore della salvaguardia dei privilegi dei soliti noti camuffato da panettone di natale.

l'ultima notizia è quella che l'ennesimo esasperato abbia tentato di immolarsi tra le fiamme, questa volta in Piazza San Pietro, ma siccome non è grave, la cosa sparirà in fretta dalle cronache, come del resto sarebbe avvenuto anche nel caso in cui l'esito fosse stato infausto, così com'è per le abituali vittime dei rigori stagionali.

6 commenti:

  1. Sulle notizie di ieri...no comment.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. notevole anche l'evasione in tarda serata del recluso per evasione...

      Elimina
    2. Riacciuffati tutti e due! Anche se poi...ce n'è uno che...vorrei "dentro" più di tutti gli altri! :(

      Elimina
    3. guarda siam messi così bene che bisognerebbe aggiungere allo svuota carceri anche il parlamento... (che poi mi sa sia l'unico sistema per sbarazzarcene)

      Elimina
  2. Trovo geniale il sottotitolo, direi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. speriamo nella befana... male che vada c'è il manico della scopa...

      Elimina