.
(...) vecchia (e stanca) bio contadina part time,
considero il blog una finestra come le altre che ho in casa e,
per chi guarda da fuori, una stanza al pari di un'altra.
bella o brutta che sia,
mi soddisfa e tanto mi basta.

martedì 18 novembre 2014

e se fossero mangerecci?

approfittando della tregua ho fatto una piccola ricognizione nell'orto, tutto a posto (quasi mi sentivo in colpa).
la micro frana, o meglio, quel che potrebbe sfociare in uno smottamento di qualche sasso di un muretto a secco è raddoppiata, ma il massimo del danno che può fare è buttare giù il caco mela.
è sempre stupefacente la differenza che c'è tra il livello strada, paese, paesani, auto ecc. e la calma delle fasce.
sebbene zuppe, qua e la segni di fioriture, germogli protetti dalle foglie morte, piccole impronte e tracce forse del riccio ormai adulto o di qualche altro piccolo animaletto a caccia di lombrichi e lumache nascoste tra l'insalata e i cavoli e un sacco di funghi immangiabili (credo armillaria mellea) che ornano il dettaglio di un angolo, di un tronco o fanno da centro aiuola con la boria di un fungo pregiato.
un po' come una starlette che si finge prima donna in un tugurio d'avanspettacolo.

altrove, in più ampi e fertili campi, un 'complesso fenomeno' s'è portato via tutto.
sappiamo di luoghi dove il presidio umano è presente o vicino, ma mentre sfoltivo i tralci d'uva pensavo a quanti altri boschi, terreni, alvei e mulattiere se ne siano andati per sempre dando origine a nuovi paesaggi e futuri scenari.
nell'orto di teti c'è ben poco da portare via invece, poco distante, in qualche giorno è andata distrutta la gran parte dell'economia agricola del paese.
dopo un'annata catastrofica per l'olio e il vino, l'acqua e le frane hanno compromesso, in alcuni casi per sempre, la produzione di frutta, verdura, cereali con tutti gli annessi e connessi, selvaggina, allevamenti, rincari dei prezzi e crollo delle esportazioni compresi.

ce ne sarebbe da pensare, progettare, operare, ma i 'maghi' son tutti presi nell'alchimia dell'articolo 18, di qualche nuova legge capace solo di dare intralcio ed essere d'impiccio e tanti belletti con cui infiorare il desco vuoto di torme di poveri e disperati in armi tra loro.

6 commenti:

  1. Anche il nostro uliveto non ha prodotto nulla ! Ma veramente nulla !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sapevo che a volte saltano un anno, ma di solito si alternano, invece quest'anno pochissimi sono fioriti, poi mettici la mosca olearia e l'ape assassina che si sta pappando quelle autoctone... et voilà!

      Elimina
  2. che bei funghetti colorati :) sott'olio sono un bel regalo di natale ai vicini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche l'imu sui terreni agricoli, mi sa che diventerà presto un bel regalo per natale...

      Elimina
  3. fosse solo quello .. hai visto qua?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quasi quasi i funghetti li assaggio davvero...

      Elimina