.
(...) vecchia (e stanca) bio contadina part time,
considero il blog una finestra come le altre che ho in casa e,
per chi guarda da fuori, una stanza al pari di un'altra.
bella o brutta che sia,
mi soddisfa e tanto mi basta.

domenica 24 aprile 2016

analogica_mente

voci maligne raccontano

 
che nel paese delle scimmie
un giorno arrivò un esercito recando doni per un re
che nessuno riusciva mai a far sorridere.
le ballerine,
i pagliacci,
intrusi e linguacce
al più lo imbronciavano.
sembra come se le orchidee avessero studiato l'essere umano
 e se ne prendessero gioco
 imitando le sue espressioni
e le sue credenze spirituali.
come lui assumono sembianze poetiche,
pose divertenti
che ricordano i cartoni animati,
giocano all'amore 
 oppure inventano un compagno
 e immaginano fantasmi.
 (e tutto senza fare danni!) 

4 commenti:

  1. sbalorditivi accostamenti!
    ed è giusta l'etichetta, questa natura è una città invisibile che piacerebbe a Calvino.
    massimolegnani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ogni tanto provo a uscire dal tunnel degli orrori quotidiani...

      Elimina
  2. ...senza nemmeno un afide!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti mai visto un afide su un'orchidea...

      Elimina