.
(...) vecchia (e stanca) bio contadina part time,
considero il blog una finestra come le altre che ho in casa e,
per chi guarda da fuori, una stanza al pari di un'altra.
bella o brutta che sia,
mi soddisfa e tanto mi basta.

lunedì 18 giugno 2012

appunti spuntati


più di un anno fa 
ho fatto una foto a un'agave 
in un angolo dove passo di tanto in tanto 
come l'altro giorno 
quando quell'agave era fiorita 
e subito mi sono rannuvolata.
tanti anni fa venni a sapere 
che gli agavi
fioriscono dopo circa 20/30 anni.
fanno un solo fiore
e poi muoiono.
da allora mi mette tristezza 
vederli fioriti.



invece questa sono io a tre anni in una foto trovata nelle cose di mio padre


anche la prossima è un cimelio e spiega il clima di allegra spensieratezza trasgressiva in cui sono nata e cresciuta e che mi piomba addosso quando torno in famiglia.


e la successiva è il tramonto di ieri sera sempre da casa dei miei, che è poi quella dove ho vissuto i primi anni del trasferimento a Genova dal piemonte


anche la mareggiata era così e così, senza infamia e senza lode e subito dopo una calma piatta di onde e di vento tanto che sono tornata alla base "meconica"con un discreto malumore chissà a cosa dovuto, o meglio lo so benissimo, spero di recuperare il solito cattivo umore che almeno è produttivo e reattivo.





ieri sera ho visto un film in tv che è durato un tempo infinito per via che sembrava non riuscissero a trovare come farlo finire. 
alla fine han deciso di far morire i cattivi e finirla così. 
perchè va sempre a finire che o finisce male o finisce bene ma comunque dando a credere che sia finita, mentre invece direi che nella vita mai niente finisce, neanche dopo morti.
da una cosa ne parte un'altra e la fine si sposta e si allontana.
mai vista una vicenda complessa che finisca e stop.
lascia sempre strascichi o determina cambiamenti, mutazioni di stato e nuove rinascite o altri disastri.
anche nei fatti contingenti e di cronaca sembra che qualcuno voglia farci credere che si vedrà una fine prima o poi, invece niente.
solo un lento o repentino svolgersi di fatti senza nè capo nè coda.
considerazioni talmente banali e scontate da annoiarmi di me stessa, avrei voglia di una bufera stanotte e domani svegliarmi con il cielo terso, chiedo troppo?


10 commenti:

  1. a un passo da qui era tutta campagna anche qui, peccato la bambina sullo sfondo della foto che tenta di suicidarsi gettandosi di sotto :)

    le foto in BN sono pericolose, innescano allegre spensieratezze ormai stantie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma sai che non l'avevo vista la suicida in fasce?
      sarà che sono impegnata con la micia che cerca di spiegarmi il nesso tra le pesche, laGatta ed Emme;)

      Elimina
    2. -.- te, sei una farabutta :P

      Elimina
  2. veramente io mi auguro di cuore che dopo la morta sia finita, sennò mi suicido anche da cadavere ^__^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tecnicamente infatti dovrebbe essere così, ma anche no!
      vedremo!

      Elimina
  3. Piccione libero....19 giugno 2012 16:51

    Vedo che questo post sta' prendendo una brutta piega....
    Quidi per tirarvi un po' su' vi posto un bel messaggio spirituale.
    “Vivi la tua vita fino in fondo.
    Pensa che è tutto un sogno,
    e quando ti sveglierai…
    Sarai a casa”
    Bello no?

    Francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. veramente io di solito sono modigerata nelle esternazioni personali e mica si è sempre felici e contenti! (di questi tempi poi!) io poi agli occhi degli altri appaio tetra, ma io sto benissimo come sto:)

      dice un haiku:

      Ono no Komachi
      Kokinwakashū, XII:552

      Ero assorta in pensieri d'amore
      quando chiusi gli occhi?
      Lui comparve.
      Se avessi saputo che era un sogno
      non mi sarei svegliata
      
[omohitsutsu / nureba ya hito no / mietsuramu / yume to shiriseba / samezaramashi wo]

      diciamo che lo faccio nuovamente mio:)
      nel senso che (nel caso) la vita mi arridesse al 100% NON SVEGLIATEMIIIIIIIII!!!!
      ^__^

      Elimina
  4. piaciuto e sognato.La sua beltà e accresciuta dalla mioa biografia.Grazie.
    Eutukìa
    L'agave muore ai 30 anni ma lascia attorno a sé le sue figlie,che la eternano.Quante ne ho viste sulla scogliera di Nervi,ce ne sono sempre molte fiorite.Hai buona speranza di trovarne di fiorite.Non ti è mai venuta l'acquolina in bocca, quando poco prima di fiorire sembrano asparagi giganti? Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io invece non sono riuscita a trovarla in rete... facebook non lo frequento, quindi non posso ricambiare la visita.

      Elimina