.
(...) vecchia (e stanca) bio contadina part time,
considero il blog una finestra come le altre che ho in casa e,
per chi guarda da fuori, una stanza al pari di un'altra.
bella o brutta che sia,
mi soddisfa e tanto mi basta.

mercoledì 15 agosto 2018

nel vuoto


(in rosso la parte crollata)

a sentire gli esperti dei vari settori interessati (e correi) è un crollo inspiegabile.
talmente inspiegabile che dopo averne sentiti un tot ci si convince che sicuramente hanno ragione loro, che quindi il viadotto sia ancora al suo posto a fare il suo lavoro.
quello per cui è stato progettato (dallo stesso che ne ha sbagliati altri due) e quello che nel tempo è andato a insistere sulle sue fragilità.
fragilità che ovviamente nessuno è in grado di misurare, monitorare o preventivare.
l'ultimo intervento ad aprile e da settembre ne sarebbe partito un altro da una ventina di milioni (tanto per dire quanto stesse in salute).
oggi abbiamo conosciuto i volti di chi dopo un volo di cinquanta metri si è salvato, domani forse sapremo i nomi e le storie delle vittime estratte dalle pesanti macerie intrise di negligenza, superficialità, incuria, superbia, arroganza, incapacità, presunzione, mania di grandezza, incompetenza, malaffare e ogni altra ottusità umana.
verrà formata un'associazione dei famigliari delle vittime che, per i prossimi trent'anni, cercherà in ogni modo di sapere come sia successo e a chi chiederne conto, senza probabilmente arrivare a nulla.
contemporaneamente si apriranno le danze per realizzare una soluzione capace di rimediare alla frattura cruciale che la perdita di soli duecento metri di asfalto sospeso ha creato.
il caso ha scelto per niente a caso decidendo di spaccare proprio quel pilastro su cui fino a ieri poggiava il traffico portuale, civile, mercantile, turistico, di collegamento urbano ed extraurbano della città, della regione, di quelle limitrofe e di quelle oltreconfine.
eppure bisogna ringraziare il caso perché ha scelto la vigilia di ferragosto invece di un qualsiasi altro giorno in cui a quell'ora su quel tratto avrebbero potuto trovarsi quattro corsie di macchine in lenta processione e i sottostanti capannoni brulicanti di lavoratori.
poteva fare ancora più male quel crollo, potrebbe farne ancora se quel che resta penzoloni sull'abitato decidesse di cedere all'instabilità strutturale conseguente, eppure e comunque fa male.

martedì 14 agosto 2018

cicindela

piccolo coleottero cosmopolita, a seconda delle sottospecie, questo si trova prevalentemente in asia. è un predatore voracissimo sia in forma adulta e sia in quella larvale.
la natura è paziente e minuziosa, in pochi centimetri sa dipingere una gamma enorme di cromie affascinanti


domenica 12 agosto 2018

15 ori, 17 argenti e 28 bronzi

earl warren (un politico americano del '900) disse: 'quando apro il giornale, leggo sempre le pagine dedicate allo sport. vi si parla infatti delle imprese compiute da uomini e donne, e delle loro vittorie. mentre la prima pagina parla, in genere, dei loro fallimenti'.

60 è il totale delle medaglie italiane agli europei appena conclusi (terzo posto della classifica generale), più le 13 medaglie nella ginnastica juniores e, mal contati, 17 legni.
l'acqua è decisamente l'elemento in cui si è pescato di più (45 medaglie, canottaggio incluso) e, come avviene spesso, a fare notizia è quello che meno ci si aspetta, sia nel bene e sia nel male, quando ci si sente traditi per un insuccesso o la mancata riconferma.
sicuramente inaspettato il bronzo nel trampolino da un metro della nemmeno sedicenne chiara pellacane che nell'ultima giornata ha conquistato l'oro nei sincro da tre metri (in coppia con una po' appannata bertocchi) con tuffi che nemmeno tania cagnotto sapeva eseguire alla sua età.
lucida e misurata nel commento del dopo gara, controllata e serena sul podio come una veterana.
(fa persino un po' paura).
in generale i primatisti si sono salvati e in larga parte riconfermati, ma un po' in tutte le nazioni si sono affacciati nuovi 'mostri' già capaci di insidiare i loro record e mettere a rischio le loro carriere.
nonostante gli sforzi di ignorare tutto quello che continua ad accadere nel mondo, come potevo perdermi il ministro degli interni mezzo nudo dal pescivendolo e le sue boutade sulla leva, il ritorno al padre/madre all'anagrafe e la solidarietà al capotreno che ha cacciato i rom?
insomma stai via dalla politica italiana due settimane e rischi che quando torni sei vent'anni indietro nel tempo...

giovedì 9 agosto 2018

8 ori, 15 argenti e 20 bronzi

sembra la riedizione moderna di una vecchia barzelletta: 'c'erano un francese, un belga e un italiano, ecc, ecc' insomma, la prima medaglia italiana dell'atletica agli europei è il bronzo di yemaneberhan crippa sui 10 mila metri (il ministro degli interni se ne dovrà fare una ragione, sopratutto perché se arriverà qualche risultato dalle piste sarà anche quello piuttosto colorato).
ma tutto il podio risulta più africano che europeo... insomma, potrebbe anche essere giunto il momento di abolire le nazionalità e lo sport potrebbe dare l'esempio presentando gli atleti per appartenenza a una società sportiva alias sponsor.
si classifica ai mondiali chi raggiunge i risultati migliori e gli altri gareggiano in una o più competizioni riservate a chi è sotto.
ci devo ancora un po' lavorare a questa utopia, per ora va così come la vediamo... 
cominciano le gare... appena qualificata alle finali la lanciatrice daisy osakue, diventata famosa per l'uovo in faccia più che per i promettenti risultati.
appuntamento a domenica per il computo finale...

lunedì 6 agosto 2018

7 ori, 7 argenti e 10 bronzi

domenica con la media di una medaglia ogni ora del programma di giornata.
ai 10 podi si aggiungono 2 ori, 2 argenti e un bronzo delle juniores di ginnastica.
la più bella della giornata?
quella del sedicenne federico burdisso nei 200 farfalla in cui è rientrato, dopo l'eliminazione dalle semifinali, per il ritiro di un atleta inglese.
dal nono tempo al bronzo con un tempo inferiore al suo personale di oltre un secondo e a un soffio dal primato nazionale.
testa rasata come le altre matricole della squadra di nuoto.
tre di loro sul podio nella staffetta 4x200 stile libero capeggiata dal poco più giovane e altrettanto molto promettente filippo megli già in finale nell'individuale.
oggi inizia l'atletica (sempre più complicato tenere il conto delle medaglie), vedremo se dopo il missile miressi (oro nei 100 metri stile libero, gara regina del nuoto), il centometrista su pista tortu saprà regalare ai tifosi di casa un risultato esaltante: podio e ulteriore ritocco del record italiano (dopo aver già abbattuto quello storico di mennea).

sabato 4 agosto 2018

5 ori, 5 argenti e 4 bronzi

giornatina niente male, per il caldo, per le medaglie italiane (ben otto di cui quattro ori) e i record del mondo (degli altri).
ai successi ottenuti nel ciclismo, nuoto e canottaggio vanno aggiunti altri due ori della categoria juniores della ginnastica.
quello della squadra e quello della quindicenne giorgia villa.
se ritiri dalla carriera e infortuni hanno condizionato la prestazione della squadra ufficiale (sesta), il settore giovanile fa ben sperare riuscendo a sconfiggere russia, inghilterra e tutte le altre nazioni europee che ultimamente ci stavano davanti.


venerdì 3 agosto 2018

1 oro, 4 argenti e 1 bronzo

seconda giornata di europei con le prime medaglie.
fuori gara, come contraltare, ne aggiungerei una di un materiale organico per il ministro della famiglia e disabilità che già si era fatto apprezzare per le baggianate sulle famiglie arcobaleno e l'aborto.
evidentemente lo stallo, dovuto all'insediamento del nuovo governo, della proposta della legge fiano, ferma al senato dopo l'approvazione alla camera, gli sembra poco.
meglio sradicare all'origine il problema abrogando la  legge mancino così, finalmente, lui e la sua banda, potranno dare liberamente sfogo e sfoggio del proprio 'pensiero' senza preoccupazioni di improbabili condanne e/o più che lecite lamentele.
per ora la proposta è stata bloccata e archiviata, ma tanto si sà che è solo questione di tempo e che la schifosa via è tracciata.