.
(...) vecchia (e stanca) bio contadina part time,
considero il blog una finestra come le altre che ho in casa e,
per chi guarda da fuori, una stanza al pari di un'altra.
bella o brutta che sia,
mi soddisfa e tanto mi basta.

mercoledì 20 febbraio 2019

0,29%

a tanto ammonta la percentuale dei votanti del m5s che si sono espressi sul quesito riguardante la vicenda del ministro dell'interno (i dettagli del conteggio qui).
praticamente io mammete e tu.
il consulente finanziario di mia madre a proposito dei risultati negativi dei suoi investimenti, ha risposto alle mie crescenti preoccupazioni supportate da motivazioni apocalittiche dell'immediato futuro: 'ma sai, questi andirivieni ci sono sempre stati... è che adesso se ne sa di più e questo fa percepire come più gravi situazioni abituali'.
ecco, appunto.
è esattamente la percezione che si ha a prescindere che si osservi il particolare o si getti uno sguardo a volo d'aquila che fa una grandissima differenza.
e se anche si volesse andare oltre alla percezione, frutto di una visione superficiale e istintiva, si resterebbe comunque basiti in un diverso e incomprensibile niente, passeggero e fugace, che rotola verso un baratro cieco che tutti i politici si affannano a negare che esista.
e sono sempre più convinta che l'unica alternativa sia un movimento ambientalista che sicuramente, una volta insediato al governo, cambierà pelle snaturandosi, ma forse (almeno) servirà a illuderci che finalmente siamo tornati a preoccuparci di cose serie e vitali.
ed è un peccato che i pastori sardi siano rimasti soli a farsi sentire in un paese a vocazione agricola che avrebbe solo da guadagnare a puntare la sua rinascita sulle sue eccellenze e che invece continua a farsi ridere dietro dal resto del mondo che oltretutto gli è pari in cialtroneria.

mercoledì 13 febbraio 2019

a Silvia

Silvia, rimembri ancora quel tempo della tua vita mortale, quando beltà splendeane gli occhi tuoi ridenti e fuggitivi,e tu, lieta e pensosa, il limitare di gioventù salivi? 

il 20 novembre 2018 è sparita, il 21 sono apparse le polemiche come fosse colpa sua l'esser stata rapita da una tribù keniota, dopo una decina di giorni l'annuncio di una imminente liberazione e i primi di dicembre è sparita anche dai giornali, dall'agenda politica e dalla mente dei più.
è passato natale, capodanno, la befana e pure sanremo, ma io ogni tanto ci penso con l'apprensione per la sua sorte e grande pena per il disinteresse che ruota intorno a lei e ai tantissimi italiani che a parole si dice vengano prima e invece, nei fatti, sono e restano ultimi e fermi nella cieca illusione che prima o poi venga il loro turno.

lunedì 11 febbraio 2019

53,12%

(era 61,55 nel 2014, Teramo la provincia con il gap più alto da 67,61 a 53,84).

e il discorso è sempre lo stesso; quello della metà della metà che è diverso dal tutto e anche dal suo 50%, ma poco importa perché ciascuno è soddisfatto.
chi viaggia da solo, chi si accoppia a seconda dei casi con l'alleato antagonista di turno e chi è morto spacciato ma, nascondendosi nei listoni civici, riesce magari a credere di esistere ancora.
e siamo tutti contenti perché finalmente è arrivato chi assicura che le macerie verranno spazzate via, le case e i palazzi risorgeranno e le trivelle? trivelleranno allegramente, ma insomma nessuno è perfetto.
il 24 si torna a votare in Sardegna (ma non si potevano unire le due consultazioni?), sarà un bagno di latte.

giovedì 7 febbraio 2019

per sbaglio

'ah, scusa eh... non volevo affatto farti male... mi spiace tanto, ma ti ho sparato per strada davanti a un pub, da un motorino, pioveva, non si vedeva bene, ero arrabbiato, mi avevano minacciato in una rissa, temevo se la prendessero con la mia bambina di un mese o con mia moglie e allora ho chiuso gli occhi e andando via di corsa e senza mirare, ma a caso, ho esploso tre colpi e sono scappato, ma che sia chiaro è stato un errore, mica ce l'avevo con te...'
più o meno i loro avvocati hanno riportato così le dichiarazioni dei due reo confessi che, a loro dire, sono molto dispiaciuti e certamente non sono persone che vanno in giro a sparare tutte le sere, insomma vanno capiti.
io invece vorrei solo capire una cosa: nel caso avessero sparato a chi li aveva minacciati, sarebbe andato tutto bene?

domenica 3 febbraio 2019

reagenti umani

si muovono in piccoli gruppi o singolarmente per ogni città e piccolo paese del mondo e dunque anche qui, in Italia.
manifestazioni spesso del tutto silenziose o fatte di brusii di voci stanche e fioche con i capelli bianchi.
in un giorno si contano sulla punta delle dita, ma sono molto diffuse e, unendo tutti i piccoli numeri, alla fine vien fuori una cifra...
moltitudini trasversali e composite con alcuni tratti in comune: pacifismo, ambientalismo, diritti civili.
alcuni ironici e spiritosi, altri meno, ma ci provano
alcuni temi e battaglie sono gli stessi di quando ero bambina
altri sono più recenti, ma comunque datati
verona
cagliari 
e la 'sardegna pulita' delle armi che l'Italia vende allo Yemen
accumuli
sicilia
taranto
termoli 
perché è l'ambiente uno dei catalizzatori principali dei 'reagenti umani' e la loro paladina è una ragazzina svedese, Greta Thunberg, al cui seguito si uniscono ogni giorno migliaia di giovani e non che hanno organizzato per il prossimo 15 marzo una marcia globale a favore del clima.
l'altro 'sentire comune' che agita e muove le coscienze è quello legato al razzismo e all'immigrazione
tutte le foto del post sono riferite alle ultime settimane, solo per dire che qualcosa 'respira' anche se se ne sa poco e infatti trovarne traccia è stato impegnativo...
brescia
napoli
roma
siracusa
genova
dunque, ogni giorno in qualche piazza c'è qualcuno che da solo o in piccoli gruppi 'reagisce umanamente' alle storture e questo un po' mi consola e un po' mi invoglia a crederci.

sabato 2 febbraio 2019

qualcosa di vero




video integrale dell'intervista <qui> al minuto 12.10 la patetica affermazione: 'come spiego a mia figlia che non rischio 15 anni di galera?'... ma infatti come potrebbe un'anima candida comprendere che vada impunito chi esercita il potere di vita e di morte sul prossimo?


video integrale <qui>, al minuto 11,06 l'affermazione 'bomba': 'in questo paese la priorità non è l'immigrazione'... ma pensa, chi lo avrebbe mai detto?

(fonte)

e per finire (vedi sopra) l'unica verità è rinchiusa nel termine 'incredibile' che si adatta benissimo a quel che pensano, a quanto dicono e a cosa fanno al presente e nel futuro così come è stato nell'appena passato (e a me che resta, altro che ridere?)

il video del cartoon di makkox sul Conte pensiero <qui> 

giovedì 31 gennaio 2019

chi di pacchia ferisce, di pacchia perisce

magari avessi salvato tutte le dichiarazioni del ministro fatte sull'argomento, purtroppo l'ho trascurato e sul web sparisce tutto in fretta.
però le ricordo come ferite dell'anima.
rammento le arroganti prese di posizione contro tutto e contro tutti in nome di un suffragio frutto di una evidente lacuna in matematica.
magari finirà come per i quarantanove milioni di euro, anzi è certo che a farne le spese saremo gli italiani tutti chiamati in correità dalla stravagante equazione: coalizione di governo autorizzata dal 100% degli italiani (ricordo che invece il ministro al più agisce in nome del 17,50% che lo ha votato, facciamo anche del doppio, se guardiamo ai sondaggi, ma resta che sia comunque il 10% dei totali aventi diritto al voto, insomma dai 5 milioni delle scorse elezioni ai circa 10 dei sondaggi di oggi).
dunque tutto inizia e si trascina con tweet e post su facebook tronfi di esibizioni muscolari e sberleffi irridenti quando, per la diciotti, si comincia a parlare di processo (medaglie secondo salvini) fino alle accuse del tribunale dei ministri che penosamente si sta cercando di fronteggiare attraverso un ribaltamento della realtà dei fatti.
dunque il ministro ha agito in accordo e sintonia col governo tutto invece che testardamente per conto suo.
anche qui è una strana equazione, infatti che cambia se la decisione è di uno o di tutti?
umanamente niente, politicamente assai.
politicamente, sì; secondo questa politica, sì.
praticamente ci dicono che è illecito indagare e condannare l'azione di governo perché delegittimerebbe la scelta elettorale (ammesso che sia legittimo legittimarla), ma è un sofismo cavilloso e infatti si sta tentando in tutti i modi di prender tempo perché, a studiare le carte, i ministri avvocati fanno intendere che uscirne illesi è cosa ardua.
state sereni, ne uscirete certamente immuni.
che vada bene perdete un 0,1% nei sondaggi, ma ci sarà tempo per recuperarlo.
dormite sereni, la totale assenza di opposizione e alternative è la maggiore garanzia per la conservazione della poltrona.
se poi fate un po' più attenzione a come vi muovete evitate anche i mal di pancia passeggeri che a noi ci bastano i nostri.