.
(...) vecchia (e stanca) bio contadina part time,
considero il blog una finestra come le altre che ho in casa e,
per chi guarda da fuori, una stanza al pari di un'altra.
bella o brutta che sia,
mi soddisfa e tanto mi basta.

venerdì 20 aprile 2012

abbordaggio vichingo


due, forse tre anni fa, compilando un questionario sulle tendenze politiche, alla persona a cui lo avevo proposto fu detto che la sua area di appartenenza era quella del Partito Pirata (niente a che vedere con i pirati padani o la banda bassotti padana).


mai sentito nominare prima e allora andammo a cercare e scoprimmo di cosa di trattasse: CLICK ora i pirati vichinghi sono arrivati a un buon successo in germania e sono anche sbarcati da noi, chissà se con fortuna o meno?


"Lo scorso 12 novembre, a Trento, il Partito Pirata Italiano ha ufficializzato l’intenzione di partecipare alla prossima tornata elettorale sperando di replicare il successo dei colleghi tedeschi, che lo scorso settembre hanno ottenuto ben quindici seggi alle amministrative di Berlino e al momento risultano essere la terza forza del paese".

Berlino, 27 settembre 2009. Un sostenitore del Partito pirata dopo la proclamazione dei risultati delle elezioni
Berlino. Un sostenitore del Partito pirata dopo la proclamazione dei risultati delle elezioni





GERMANIA

Il futuro è dei pirati

12 aprile 2012
DIE WELT BERLINO


Secondo i sondaggi il Partito pirata è 

ormai la terza forza della politica tedesca. 

Quello che sembrava un innocuo fenomeno passeggero 

potrebbe rivelarsi l’avanguardia 

di un nuovo modello rappresentativo.


                                                                      >>>>>>> Continua CLICK

(...) Spesso i Pirati sono arrivati più in alto dei Verdi,
e in qualche caso anche della Cdu.
La base elettorale del partito non si riduce
alla comunità di internet.
I principi e il programma elettorale del
Partito Pirata berlinese comprendono
varie idee che lo avvicinano alla sinistra radicale,
come i trasporti pubblici gratuiti e il diritto alla
casa per tutti. (...) I valori fondamentali dei
Pirati sfuggono alla classica dicotomia
tra sinistra e destra.
“Libertà”, “apertura”, ma soprattutto “trasparenza”
sono le parole chiave del movimento,
che si è costituito per la prima volta come
partito politico in Svezia cinque anni fa
al termine di una battaglia contro la legge
sul diritto d’autore.
Uno dei testi fondanti del movimento è la
“Dichiarazione d'indipendenza del cyberspazio”,
redatta nel 1996 dall’ex paroliere dei Grateful Dead
nonché cofondatore dell’Electronic Frontier Foundation,
John Perry Barlow.
(...) L'ideologia fondante è il libertarismo.
Dall’alta considerazione accordata alla libertà
dell’individuo scaturisce uno scetticismo profondo
nei confronti dello stato e del governo, che possono
raggiungere una certa legittimità soltanto tramite la
partecipazione diretta.
(...) Ne fanno parte i seguaci di Ayn Rand, la profetessa del
capitalismo radicale ed egocentrico,
come pure socialisti libertari che per le loro idee
si avvicinano agli intellettuali anarchici
della fine del XIX secolo. >>>> continua CLICK



circa il 50% del corpo elettorale dichiara 
che non andrà a votare o è indeciso. 
i giovani dai 18 ai 25 anni in italia 
sono pari al 10,1% della popolazione totale 
(censimento 2008)___ se fossi nei loro panni, 
francamente farei un pensierino 
a passare pirata. che altro sennò?

8 commenti:

  1. perchè, per quelli over 25 è vietato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, ma secondo me acchiappano poco dagli anziani, intendo persone sopra all'età della ragione:)

      Elimina
  2. mah ... questi se non altro lo dicono subito, sono pirati alla luce del sole.
    Che poi si sa, i rimborsi elettorali sono appetitosi per tutti ... fondi un partito, fondi un giornale di partito (Mastella docet) e piovono soldi come caramelle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pare anche a me che chissà per quale ragione, forse complice una determinata farina lattea, chiunque decida di entrare in politica oggi lo faccia per una sorta di desiderio di tenersi fuori dal mondo e sfruttare i suoi malcapitati abitanti.
      c'è da riflettere sui rimborsi anche per via del fatto che vorrei sapere chi li vuole rivotare i vecchi candidati e di nuovi onestamente com'è pensabile che ne arrivino di diversi dagli attuali? meno male che a dicembre finisce il vecchio mondo, peccato che di quello nuovo non si scorga traccia!

      Elimina
  3. ne avevo sentito parlare anni, fa gli svedesi hanno già degli europarlamentari, loro hanno cominciato prima. non mi ricordo dove lo avevo letto, ma dopo un boom iniziale molti si sono arresi. I partiti non vanno non se ne può più di finanziamenti e clientele ma questa è la democrazia, paghi per credere di esserci.
    Questi ci tolgono tutto, spero mi lascino l'allacciamento alla fogna, altrimenti non saprei dove metterla, è l'unica cosa che ormai mi avanza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un'idea geniale, ci vorrebbe un'idea geniale!

      Elimina
  4. Teti, appena la trovi, rendi partecipe anche me con la tua idea geniale!
    Trovare politici nuovi e soprattutto onesti...Uff...ardua impresa. :(

    Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per ora niente.
      l'idea di aprire un "a_social" network di fatto è già operativa (basta vedere che vita c'è sui paralleli)!
      e per il resto sono felice che da me non si voti così (per ora) evito di pormi il problema.

      Elimina