.
(...) vecchia (e stanca) bio contadina part time,
considero il blog una finestra come le altre che ho in casa e,
per chi guarda da fuori, una stanza al pari di un'altra.
bella o brutta che sia,
mi soddisfa e tanto mi basta.

venerdì 11 marzo 2011

sempre a caso

Che botta lo tsunami!

Poi ci si stupisce se ci si sente svuotate/i e strambi, ma siamo anche noi di questa Terra!


In attesa di qualche ulteriore racconto ho giocato con le parole scelte per quelli del post precedente:



strada, desiderio, salato, cuore, vita


L'autodifesa e il pane della sincerità.


allontanarsi

lasciare

illusione


strada, mesi, casa


Metamorfosi, Sotto, E, La, Bianca



Ecco cosa è uscito (chi volesse cimentarsi può, volendo _ le regole le ho fatte io _ sostituire max 3 parole ma il totale dei termini deve restare costante)



vita, L'illusione della strada

il lasciare mesi, pane salato, sincerità,

desiderio, cuore, autodifesa E Metamorfosi

Sotto La casa Bianca

e allontanarsi

il desiderio salato della vita
strada di casa
e allontanarsi
sotto la bianca illusione
come pane
l’autodifesa
alimenterà sincerità
e metamorfosi


Allontanarsi. Lasciare la strada sotto casa. L'illusione della metamorfosi è autodifesa. Desiderio di sincerità. Bianca strada e salato il pane. Cuore. Vita.



72 commenti:

  1. Mi piacciono i giochi di parole, ma mi servono tempo...e testa! E anche figli che non reclamano il pc!!! :(((
    A più tardi ...se riesco!
    Abbraccio. Paola

    RispondiElimina
  2. PAOLA
    ___ allora ho fatto bene a NON aspettarti:)))

    RispondiElimina
  3. tosto questo giro... mi sa che non ce la fo. dovrei piuttosto finire di scrivere quell'altra cosa... uff!

    RispondiElimina
  4. CAROLINA
    tanto era solo un post di passaggio:))
    lavora, lavora!!

    RispondiElimina
  5. Questo credo di non averlo capito!

    RispondiElimina
  6. PAOLA
    dici che sono al delirio?
    allora, queste qui :
    strada, desiderio, salato, cuore, vita, L'autodifesa, e, il, pane, della, sincerità, allontanarsi, lasciare, illusione, strada, mesi, casa, Metamorfosi, Sotto, E, La, Bianca
    __ sono le parole che sono state scelte e inserite nei racconti:)
    invece il testo sotto è quello che ho scritto io ricomponendole in un ordine diverso:)
    ___ ma possono esserci tanti modi di combinare le parole, in più c'è la possibilità di cambiarne 3 (ne butti 3 e le sostituisci con altre 3 che ti piacciono o ti servono di più)
    non so se adesso si capisce:)

    RispondiElimina
  7. Si si, adesso ho capito e mi è venuto da ridere! Mi hai detto che questo era un gioco per prenderci tempo e pensare a noi stesse ed è vero! I miei figli stavano discutendo (in maniera soft perché c'è un'ospite in casa!) e ogni tanto si rivolgevano a me per cercare conferme, mentre io ero assorta e intenta a capire quest'altra fase del gioco! Sono al delirio io non preoccuparti! :)) C'è una scadenza anche per questo?

    RispondiElimina
  8. PAOLA
    direi di no:))
    perchè tanto si inseriscono i contributi nei commenti e tra qualche giorno magari faccio un post con il riepilogo e una nuova invenzione per proseguire:))

    RispondiElimina
  9. Ok. Allora lascio il pc ad altre mani! Il dovere mi chiama! Buona serata. Io, credo la passerò tutta a pensare.:))

    RispondiElimina
  10. mmm... il gioco si fa duro! mi concentro... :)

    RispondiElimina
  11. ELLIY
    ero obbligata, in questo modo si vince l'anonimato:)
    (cerco di dare un colpo al cerchio e uno alla botte:))
    vedrai che presto faranno a botte pur di stare al gioco;)

    RispondiElimina
  12. il desiderio salato della vita
    strada di casa
    e allontanarsi
    sotto la bianca illusione
    come pane
    l’autodifesa
    alimenterà sincerità
    e metamorfosi

    nottecip!

    RispondiElimina
  13. ANONIMO / NOTA:))
    buon giorno!

    RispondiElimina
  14. L'autodifesa alimenterà sincerità e metamorfosi.
    Quanto potrei dire su questo approccio che mi dai occasione di approfondire...
    Dico solo una delle migliaia di cose che la mia mente riesce a pensare su tale questione.
    Evoluzione, una sola parola (sono cattiva :P).

    Un bacio teti.

    RispondiElimina
  15. ECATE♀♀CASSANDRA
    che fai copi?
    non vale!

    RispondiElimina
  16. Ehhehehehehe sapevo che me l'avresti detto :P

    RispondiElimina
  17. ECATE♀♀CASSANDRA
    quindi?
    evoluzione ok, poi?

    RispondiElimina
  18. Poi ad esempio mi viene in mente ascolto, frustrazione, tensione emotiva, dialogo faticoso e sregolatezza ma dipende dal fatto che sono una Maudit.... :)

    RispondiElimina
  19. ECATE♀♀CASSANDRA
    evoluzione,
    ascolto,
    fristrazione,
    tensione emotiva,
    dialogo faticoso,
    stregolatezza,
    mettiamoci anche maudit
    ma sono tutte parole diverse da quelle prescritte per il gioco!!
    allora bisogna inventarne uno nuovo solo per te e gli amici "maledetti"!!!

    RispondiElimina
  20. Davvero ne inventeresti uno solo per le/i Maudit?
    Allora parti da Edgar Allan poe se posso darti un consiglio, altrimenti sputazzami (e se te lo dico io puoi farlo) :D.

    RispondiElimina
  21. ECATE♀♀CASSANDRA
    ma ci si può pensare___ qualcuno che potrebbe aggregarsi c'è.
    lanciamo un bando?
    io non sono un'esperta, ma posso provarci!

    RispondiElimina
  22. ...c'è che in questi giorni, gli ultimi eventi disastrosi avvenuti in Giappone hanno catalizzato la nostra attenzione e ci hanno allontanato un po' dal gioco.
    Piove...governo ladro! :( e poi anche :)!!!

    RispondiElimina
  23. PAOLA
    sì forse, può essere come dici, in effetti scegliere un argomento per questi giorni non è semplice__ stavo appunto preparando il nuovo post.
    buona giornata:)

    RispondiElimina
  24. Le barche in Giappone....
    Passa una barca di legno d'ulivo
    con sopra un pescatore ed un pesce ancora vivo.
    E il tempo li insegue e il tempo li circonda
    il tempo li dondola e gli fa l'onda.
    L'onda del mare, di gente questo mare.
    Passa una barca di voci leggere
    piena di canzoni e senza acqua da bere
    sono le donne dei paesi vicini
    sono le donne con i loro bambini
    sono le operaie povere e malpagate
    sono le operaie povere abbandonate
    in braccio al mare, di gente questo mare
    in braccio al mare, di gente questo mare.
    Passa una barca di legno di pino
    con sopra un gendarme, con sopra un assassino
    e i loro pensieri sono legati insieme
    i loro pensieri gettati in catene
    in fondo al mare, catene in fondo al mare.
    In fondo al mare, di gente questo mare.

    RispondiElimina
  25. ANONIMO
    forse ho capito chi tu sia. ma ho un dubbio tra due:(
    grazie:))
    non so bene dove si inserisce questo testo (intendo in quale fase del gioco:), ma ci penserò:))
    sarebbe un peccato relegarla solo qui tra i commenti.
    ps. dammi un indizio, chi sei? (basta l'iniziale perchè un'idea ce l'ho)

    RispondiElimina
  26. ANONIMO
    ___ fossati__ ma non credo che tu sia fossati___ però questo forse circoscrive__ controllo una cosa___

    RispondiElimina
  27. Conosco delle barche
    che restano nel porto per paura
    che le correnti le trascinino via con troppa violenza.

    Conosco delle barche che arrugginiscono in porto
    per non aver mai rischiato una vela fuori.

    Conosco delle barche che si dimenticano di partire
    hanno paura del mare a furia di invecchiare
    e le onde non le hanno mai portate altrove,
    il loro viaggio è finito ancora prima di iniziare.

    Conosco delle barche talmente incatenate
    che hanno disimparato come liberarsi.

    Conosco delle barche che restano ad ondeggiare
    per essere veramente sicure di non capovolgersi.

    Conosco delle barche che vanno in gruppo
    ad affrontare il vento forte al di là della paura.

    Conosco delle barche che si graffiano un po'
    sulle rotte dell'oceano ove le porta il loro gioco.

    Conosco delle barche
    che non hanno mai smesso di uscire una volta ancora,
    ogni giorno della loro vita
    e che non hanno paura a volte di lanciarsi
    fianco a fianco in avanti a rischio di affondare.

    Conosco delle barche
    che tornano in porto lacerate dappertutto,
    ma più coraggiose e più forti.

    Conosco delle barche straboccanti di sole
    perché hanno condiviso anni meravigliosi.

    Conosco delle barche
    che tornano sempre quando hanno navigato.
    Fino al loro ultimo giorno,
    e sono pronte a spiegare le loro ali di giganti
    perché hanno un cuore a misura di oceano.

    RispondiElimina
  28. Perché le barche ? Sono le foto che vengono dalla povera terra del Giappone che chiedono di essere raccontate.

    RispondiElimina
  29. Forse non é il posto giusto dove pubblicarle. Ma esiste un posto giusto ? E' il posto abitato dai giusti ? O il posto giusto é quello dove é meglio non essere ?

    RispondiElimina
  30. ANONIMO
    e questa è di Jacques Brel___ ma continuo a non capire chi sei.

    RispondiElimina
  31. Centodieci chilometri a oriente di Mosca
    ho appreso dal fiume Oka il canto argentato dei fiumi
    la grandezza di scorrere senza sosta e riposo
    il richiamo dei lumi
    caduti in acqua dalle barche lontane
    ho appreso dal fiume Oka la cara follia
    delle mie nostalgie....
    Se la mia barca sprofondò nel mare -
    Se incontrò tempeste -
    Se a isole incantate
    Piegò le sue docili vele -
    Da quale mistico ormeggio
    È trattenuta oggi -
    Questo è il compito dello sguardo
    Fuori sulla Baia.

    RispondiElimina
  32. ANONIMO
    _________ho capito il gioco, tu scegli i brani e io metto le didascalie________
    _________Nazim Hikmet, Oka

    RispondiElimina
  33. Sbagliato, almeno in parte (l'autore)

    RispondiElimina
  34. Le apparenze ingannano e l'inganno appare provvisoriamente___precariamente___fugacemente___instabilmente___occasionalmente

    RispondiElimina
  35. ANONIMO
    beh, in effetti___ la seconda parte è di un'altra di Emily Dickinson__ rielaborata__ sono stata disattenta!
    __________ resta che vorrei sapere se almeno tu conosci me, visto che io non riconosco te o se sei un anonimo per caso

    RispondiElimina
  36. L'ultima...
    L’alta marea cancellerà le mie impronte,
    E il vento disperderà la schiuma.
    Ma il mare e la spiaggia dureranno
    In eterno. Così soltanto all’orizzonte
    scorgi l’orlo turchino del mare.
    Non più grande della luna.
    Giorno dopo giorno, giorno dopo giorno,
    Restammo senza un soffio di vento, un movimento;
    Fermi, come nave dipinta
    In un oceano dipinto. Chi ha il dominio del mare
    ha il dominio di tutto. Il mare é un antico
    idioma che non riesco a decifrare. Dopo un’onda,
    un’altra, cento, mille altre (…) la mia barca di riflesso le avverte e si inclina lasciandole passare.
    Anonimo per caso

    RispondiElimina
  37. ANONIMO PER CASO

    JOHN MANSFIELD - Febbre del mare

    Devo tornare sul mare, solitario sotto il cielo,
    e chiedo solo un'alta nave e una stella per guidarla,
    colpi di timone, canti del vento,
    sbuffi della vela bianca,
    e bigia foschìa sul volto del mare
    e un bigio romper dell'alba.
    Devo tornare sul mare, ché la chiamata
    della marea irruente è una chiara
    selvaggia chiamata imperiosa;
    e io chiedo soltanto un giorno di vento
    con volanti nuvole bianche,
    pien di spruzzi e di spuma e di strillanti gabbiani.
    Devo tornare sul mare, alla vita
    di zingaro vagabondo; alla via
    delle balene e degli uccelli marini,
    dove il vento è una lama tagliente;
    e io chiedo solo un'allegra canzone
    da un compagno ridente e un buon sonno
    e un bel sogno
    quando la lunga giocata è finita.

    RispondiElimina
  38. È stata ritrovata!
    - Cosa? - l'Eternità.
    È il mare unito
    Al sole.

    ARTHUR RIMBAUD

    RispondiElimina
  39. ANONIMO
    un altro anonimo o sempre lo stesso?
    beh, direi che è inutile insistere nel chiederti chi sei.
    in alto nelle avvertenze dell'uso del blog è spiegato che non parlo volentieri con gli/le anonimi/e.
    così come non farei entrare in casa qualcuno con indosso un passamontagna.
    mi spiace ma i prossimi messaggi potrebbero non ricevere risposta o venire cancellati.

    mi sembra equo dato che tu sai chi sono e mi leggi, che io abbia almeno le informazioni di cui disponi tu.
    diversamente, non mi interessa interagire, dato che preferisco espormi invece di nascondermi dietro profili mendaci o icone di fantasie.

    buona giornata, teti

    RispondiElimina
  40. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  41. ANONIMO
    invece non ho idea perchè chi mi segue qui sa benissimo come la penso in proposito e credo anche le persone che mi conoscono fuori dal web abbiano chiaro che sono poco incline ai quiz.
    ovvio non pretendo che ti riveli a tutti ma puoi farlo per mail.
    la trovi sul profilo.

    RispondiElimina
  42. ANONIMO
    ahahahhah ho visto, te possino!
    non hai idea di quanti burloni/e ci siano nei blog e di quanto tempo si perda per scoprire poi che sono appunto burloni/e
    Ci avevo pure pensato ma la scelta dei testi in sequenza apparentemente più casuale che ordinata mi aveva portato a escluderti.
    comunque mi stava montando la carogna___ infatti non aggiungo neanche un sorriso, sgrunt
    ma datti un simbolo, una lettera qualcosa se non vuoi usare il tuo nome o la località da cui scrivi, qualcosa, o altrimenti sono punto e a capo con il prossimo ANONIMO!!!
    già c'è un ANONIMO QUALUNQUE, se adesso ci metto anche un ANONIMO PER CASO il prossimo non so più cosa farlo diventare!

    RispondiElimina
  43. Anonimato: i boschi sarebbero molto silenziosi se cantassero solo gli uccelli più intonati.

    RispondiElimina
  44. ANONIMO
    miiiiiiii,, ma che c'è di così difficile da capire???
    apri un profilo qui sopra e scegli un simbolo visivo
    oppure scegli uno pseudonimo (anche se non capisco che problema ci sia a firmarti con il tuo nome, dato che nessuno ti conosce qui)

    RispondiElimina
  45. E' un piacere leggervi Teti e Anonimo per caso! :)))
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  46. PAOLA
    sì se solo capisse che deve firmare ogni volta o continuerò per sempre a considerarlo estraneo:))
    ci torno sul gioco, non l'ho dimenticato___ ancora buona giornata :)

    RispondiElimina
  47. Calembour
    signora che soffre;
    signora che s'offre;
    s'ignora che soffre;
    s'ignora che s'offre

    RispondiElimina
  48. BRUNO
    EUKERA direbbe govi!
    non si tratta di intuire o meno, te l'ho detto!
    c'è pieno di burloni nei blog e a tenere alta la guardia non si sbaglia mai.
    soprattutto se non si gradiscono malintesi e inciuci sebbene vi siano piattaforme sulle quali con tutta la buona volontà e impegno sia praticamente impossibile evitarli.
    qui è un paradiso, ma è capitato di beccare infiltrati sgradevoli e sgraditi.
    ora invece è molto più semplice, a meno che tu non sia tu ahahahah
    perchè c'è anche quella opzione, ma insomma__ non esageriamo!

    RispondiElimina
  49. BRUNO
    sono bellissimi i giochi di parole di Calembour___ mi riprometto sempre di approfondire, ma resta sempre indietro al resto

    RispondiElimina
  50. in effetti a volte mi chiedo se io sono io, come direbbe Govi "me tastu pe vede se ghe sun"

    RispondiElimina
  51. BRUNO
    lo faccio anche io sperando di non trovarmi, invece mi trovo:(

    RispondiElimina
  52. dipende poi, anche o forse solo, dalla parte di noi che troviamo
    Citando Bergonzoni "Pavido la mattina alzava le braccia, ma alzava anche le gambe per non farle sentire arti inferiori".

    RispondiElimina
  53. BRUNO
    acchìlodici! (l'unico modo per avere l'impressione che sia tutto al suo posto è stare a testa in giù!)
    comunque_______ apri un blog che secondo me ti diverti____ (tanto a te non ti abbattono neanche con l'atomica, tanto per stare in tema).

    RispondiElimina
  54. Mi manca il tempo, oggi sono qui perché sono chiuso, sto cercando di riprendermi la vecchia testata ma é lunga

    RispondiElimina
  55. Calembour 2
    Pensavo che il mio male fosse passeggero, invece era conducente!!!

    RispondiElimina
  56. Non so se mi spiego
    Non so se mi piego
    Non so se mi ripiego
    Non so se m'impiego

    RispondiElimina
  57. BRUNO
    vedi a DESTRA sotto a de andrè c'è la finestra con le icone del blogger che mi seguono___ ci vedo doppio ?

    RispondiElimina
  58. BRUNO
    sarà contenta lyl:) è scortata!

    RispondiElimina
  59. e poi due al prezzo di uno

    RispondiElimina
  60. BRUNO
    io ripartirei da zero, cancellerei entrambi le sottoscrizioni e se vuoi la ripeti, così è una e in seguito non fa casino, poi vedi tu. in effetti ha degli ottimi aiuti questa piattaforma ma è un po' criptica all'inizio io ci ho messo un sacco di tempo per sistemare la quesitone siti da seguire e blogroll:))

    RispondiElimina
  61. ...e non si puo' più dire che sono Anonimo

    RispondiElimina
  62. BRUNO
    sì certo che si può, si può anche seguire in anonimo (quindi senza che l'interessato/a lo sappia)

    RispondiElimina
  63. BRUNO
    a scusa intendevi nell'altro significato, no beh, non si può più dire, certo___ (ma quella è una fisima mia)

    RispondiElimina
  64. ognuno ha le sue e ci convive o almeno ci prova

    RispondiElimina
  65. non so se ho capito bene,ma eccomi qua.
    Ho cambiato il-sincerità-mesi ho scelto diventa-anzi-forse ed ecco il mio mostro

    E sotto, allontanarsi...
    Lasciare cuore, illusione.
    L'autodifesa diventa pane, strada.
    Anzi, casa e salato desiderio.
    Forse la bianca Metamorfosi della vita.

    mi confondo ancora non so dove lasciare i commenti e che dire, sono dura per capire io :)

    RispondiElimina
  66. NORMALINA
    è perfetto qui:)))
    ora lo inserisco, anzi mi hai dato lo spunto per rinnovare il post:))
    e rilanciare con il gioco:)
    a più tardi, buona giornata!

    RispondiElimina