.
(...) vecchia (e stanca) bio contadina part time,
considero il blog una finestra come le altre che ho in casa e,
per chi guarda da fuori, una stanza al pari di un'altra.
bella o brutta che sia,
mi soddisfa e tanto mi basta.

domenica 19 giugno 2011

Satsuki


Si udì un annuncio.
"Stiamo per entrare in una zona di turbolenze. I passeggeri sono pregati di tornare ai loro posti e di mantenere le cinture allacciate".
Satsuki grondava di sudore. Le sembrava di essere cotta al vapore. Forse erano solo le sue abituali vampate. Chiese dell'acqua alla hostess che si occupava di lei. Poi tirò fuori dalla borsa un portapillole e mandò giù la dose di ormoni che aveva dimenticato di prendere. Non potè fare a meno di pensare per l'ennesima volta che il problema della menopausa era un ammonimento sarcastico (se non un dispetto) di Dio agli esseri umani che avevano allungato la durata della vita più del dovuto. Fino a poco più di cento anni prima, l'aspettativa media di vita non arrivava a cinquant'anni, e le donne ancora in vita venti o trenta anni dopo la fine delle mestruazioni erano casi rarissimi.
Satsuki era rimasta nell'albergo di Bangkok da sola anche dopo la fine del convegno. Il giorno dopo, di buon mattino, la limousine che doveva venire a prenderla arrivò davanti all'albergo come previsto.
- Mi chiami Nimit. Avrò l'onore di accompagnarla durante questa settimana, dottoressa.




Nimit aumentò leggermente il volume dello stereo: era l'assolo di un sax tenore dal timbro profondo.
"Nimit ascolta bene questo brano. Segui attentamente l'improvvisazione di Coleman Hawkins, nota per nota. Tendi bene l'orecchio per capire che cosa cerca di dirci con quelle note. Racconta la storia di uno spirito libero che tenta in tutti i modi di fuggire dal suo petto. Uno spirito come quello è dentro di me e dentro di te. Senti? Lo riconosci? Il suo sospiro caldo, il tremito del suo cuore?", diceva. io ascoltavo quella musica infinite volte tendendo l'orecchio riuscivo a riconoscere i suoni del suo spirito. Ma non so dire con certezza se io li percepissi davvero con le mie orecchie. Stando tanto a lungo con una persona, eseguendo i suoi ordini, in un certo senso si diventa un corpo e un'anima. Capisce cosa intendo dire?
- Credo di sì, _ rispose Satsuki.
- Dottoressa, avrei un favore da chiederle, - disse, guardandola attraverso lo specchietto retrovisore. - Un favore personale.
- Potrebbe darmi un'ora del suo tempo? C'è un posto che vorrei mostrarle.


Satsuki e la vecchia si sedettero al tavolo una di fronte all'altra, e Nimit di lato.
La vecchia allungò le mani e prese la destra di Satsuki. La vecchia le tenne stretta la mano fissandola negli occhi in silenzio per una decina di minuti (ma avrebbero anche potuto essere solo due o tre).
Poi finalmente la vecchia tirò un profondo sospiro e le lasciò la mano. Quindi rivolta a NImit, parlò per un po' con lui in thailandese. Nimit tradusse in inglese.
- Ha detto che dentro il suo corpo c'è una pietra. E' una pietra bianca e dura. Della grandezza del pugno di un bambino. Da dove sia venuta lei non sa dirlo.
- Una pietra? chiede Satsuki.
- Sulla pietra c'è scritto qualcosa, ma siccome è in giapponese, non è in grado di leggerlo. Sono dei caratteri piccoli, scritti con inchiostro nero. Siccome sono cose vecchie, è probabile che lei abbia vissuto per molti anni con loro. Lei deve buttare quella pietra da qualche parte. Se non lo fa, anche dopo che lei sarà morta e cremata, solo quella pietra resterà ancora.
- Presto farà un sogno, un sogno in cui apparirà un grande serpente. Il serpente verrà fuori piano piano da un buco nel muro. Un serpente verde, tutto ricoperto di squame. Quando sarà venuto fuori di almeno un metro, lei dovrà afferrarlo per il collo. Tenerlo stretto e non lasciarlo andare. Avrà un aspetto spaventoso, ma è innocuo. Perciò non dovrà aver paura. Lo tenga ben stretto con tutt'e due le mani. Lo stringa più forte che può, pensando che è la sua vita. Dovrà tenerlo stretto fino a quando non si sveglierà. Quel serpente ingoierà la sua pietra. Ha capito, vero?

- Ma che cosa...
- Dica: Ho capito, - disse Nimit con tono grave.
- Ho capito, - disse Satsuki.

- La prego dottoressa. Non deve aggiungere altro. Deve aspettare il sogno, dottoressa, - disse dolcemente Nimit, come se cercasse di farla ragionare. - In questo momento è necessario resistere. Butti via le parole. Le parole diventano pietre.


Nimit prese la tazza di caffè nella mano, ne bevve un sorso, poi tornò a posarla sul piattino, attento a non far rumore.
- Il mio capo norvegese era Lappone, - disse Namit. - Una volta mi parlò degli orsi polari. Di quali creature solitarie essi siano. Non si accoppiano che una volta all'anno. Una volta sola in un anno! Nel loro mondo non esistono relazioni, diciamo così, matrimoniali. Su quelle grandi distese ghiacciate due orsi, un maschio e una femmina, si incontrano per caso e lì avviene l'accoppiamento. Non si va tanto per le lunghe. Una volta consumato l'atto, il maschio si allontana di corsa dalla femmina come fosse arrabbiato, e fugge via dal luogo dell'accoppiamento. Scappa via a tutta velocità, e non si volta mai indietro. Dopodichè trascorrerà un anno in totale solitudine. Non esiste nessun rapporto di comunicazione, o di scambio. Nessun contatto di spirito. Questa è la storia degli orsi polari. Almeno secondo quanto mi raccontò il mio capo.
- Beh, è certamente una storia singolare, - commentò Satsuki.
- Quando la sentii, gli chiesi: "allora, per cosa vivono gli orsi polari?" A quella domanda, un sorriso divertito apparve sul suo volto.




Liberamente tratto da Tutti i figli di dio danzano (Murakami Haruki)
Sei incontri che possono cambiare il corso di una esistenza… Thailandia: una donna dopo un difficile divorzio si concede una vacanza a Bangkok e una vecchia le prevede un sogno… Sullo sfondo dei sei racconti lo sconvolgente terremoto di Kobe (1995).





segue qui CLICK

14 commenti:

  1. mm sai che mi hai incuriosito?!
    :-)

    RispondiElimina
  2. OCCHIO.CAVO
    immagino, anche a me sentir parlare di un libro mi fa sempre cascare che lo compro (e spesso mi pento) infatti ho scelto di parlarne diffusamente (continua domani con un altro racconto) che forse è meglio prendere questo spunto e accontentarsi.
    spesso si racconta di un libro con entusiasmo (è questo che cattura) ma non è detto che il libro poi sia così vicino a come siamo e a quello che cerchiamo al momento.
    per me questo libro, iniziato, smesso e ripreso, entrambe le volte ha significato assai vicinanza quasi una cronaca del non detto a me stessa o riferito in altro linguaggio, ed è andata bene, ma non mi sento di dirti sì sì leggilo oppure no.
    al limite spetta domani che metto sù l'altro e così saremo al 20% più o meno del tutto che è una buona % per valutare:) anche se costa meno di 10 euro che in ogni modo son sempre buone 15-20mila lire di anni e anni fa!)

    RispondiElimina
  3. Ho letto molto (non tutto, lo ammetto) di Murakami, essendo il mio scrittore preferito, ma in prima battuta in biblioteca, nell'attesa che escano le più economiche edizioni paperback ;-)

    Il suo lavoro in Underground è fantastico, anche se, al di là delle raccolte di racconti, è Dance, dance, dance quello che sento più vicino a me.

    OT: L'I-Ching sta già arrivando, grazie :-)

    RispondiElimina
  4. MINERVA JONES
    vero, ti avevo dato una info errata, mi sono confusa con qualche altra amenità:)
    il mio di oggi è:
    Sheng: L'Ascesa,
    Non devi temere nulla perché il momento ti è favorevole. Potrai arrivare lontano e con un impegno costante raggiungere la meta prefissata. Lungo il tuo cammino incontrerai persone importanti ed influenti. Se meritano la tua fiducia, fai tesoro dell'esempio e dei consigli che ti daranno.

    RispondiElimina
  5. I: Il Nutrimento,
    Il nutrimento del tuo corpo e quello della tua anima sono egualmente importanti e profondamente correlati l'uno all'altro. Devi quindi fare attenzione a non trascurare ciò che mangi e porre grande attenzione all'alimentazione. Comprenderai qual è il limite per non eccedere, trovando l'equilibrio.

    Sempre così: mi terrorizza quando azzeccano così bene i miei problemi (nel mio caso di salute, proprio legati a stomaco/intestino).

    RispondiElimina
  6. MINERVA JONES
    come ripeto sempre, il Caso sa quel che fa, spesso più di frequente del libero arbitrio e della ragione che solitamente riusciamo facilmente ad aggirare;)

    RispondiElimina
  7. non ho letto nulla di Murakami Haruki, lo farò.
    Il motivo percui ho commentato è per ringraziarti di http://teti900.blogspot.com/p/silenziosamente.html
    non sono riuscto a farlo altrimenti.
    Molto bello, ne avevo bisogno, mi ha fatto bene.
    Ciao

    RispondiElimina
  8. GIOVANNI
    ci ho messo un po' a capire chi fossi (ma non sembravi il giovanni che passa di qui) poi ho realizzato dagli "occhiacci".
    essì le pagine non si possono commentare, quello è un post del vecchio blog, ma lo tengo sottomano perchè ha a che fare con me.
    sono lieta tu lo abbia gradito:)
    ssshhhhhhhh buona domenica silenziosa:)

    RispondiElimina
  9. Puttanassaeva, varda che roba. Beh, io di murakami, come dire, mi faccio? Quel puttanassa e via è dovuto al fatto che sabato ero li li per prenderlo. C'è lo sconto 25 poi. Ero andato a fare un salto in quella libreria che mi fanno lo scontrino non valido ai fini fiscali, loro che votano a sinistra. Ma questo non c'entra. Vado la per via delle commesse. Una ogni volta, la rossa magrolina con l'anellino sul naso, ogni volta mi chiede due robe su un libro di wallace o gliele chiedo io e che forse sarebbe ora che gli chiedessi qualcos'altro. E poi l'altra, quella schiva, piu signora e tondetta, che pare diventar rossa ogni volta che le chiedo qualcosa, anzi è sempre lei che cerco se mi serve un libro che non son mai capace di trovare. E allora vado la per queste due, mica perchè son di sinistra. Va ben dai, non c'entra.
    Insomma ho letto i racconti della raccolta L'elefante scomparso. Murakami è stralunato e sorprendente. Sai cosa mi impedito di prendere quei figli di dio? Una recensione di non so quale lettrice che diceva che non ci capiva un cazzo e che quei racconti non andavano da nessuna parte. Mica che io a quella la dessi considerazione, murakami è cosi, devi seguirla. Lui ti porta oltre la soglia e, oltre la soglia uno deve aver voglia di andarci. Son quelli che dicono poi, murakami non mi piace. La tua riduzione non l'ho letta per via che devo andare al foster che son le sette e mezza e vado a bere lo spritz. Quello che volevo dire, piu di ogni altra cosa è che l'avevo in mano sabato mattina e ho detto ma no, lo prendo un'altra volta, quando lo sconto 25% non ce piu. Ciao yeti. Vediamo se parte il commento con pop up

    RispondiElimina
  10. SIMURGH
    e io che mi sono dannata a trovare il brano musicale sapendoti esperto del genere e volevo anche cogliessi la dotta citazione al film di Altman e tu manco lo hai avviato:(
    va bene che tanto io fluttuo ti arriverà in altro modo:)
    (ma sabato quando? ieri? vedi se riesci a essere più specifico che altrimenti l'esperimento non ce lo passano mica gli scienziati!)

    RispondiElimina
  11. Di lui ho letto la ragazza dello Sputnik, che mi è piaciuto molto.
    Buona giornata anche a te.

    RispondiElimina
  12. Ben, lo chiamavano rana. Coleman è "il sax". Come sono simili però i fiati che soffiano dentro, a volte in un appena che quasi non senti, come a perdersi. Da sfinimento. Tu mettiti la, se hai un languore dentro, affidalo a loro e devi dove ti portano. Va a finir che gli dici lasciatemni stare. Ti porterò a Kansas City, piccola

    RispondiElimina
  13. SIMURGH
    eheheh già a quei tempi là.
    chissà, forse si potrà fare, anzi ne sono sicura.
    le molecole che girano son sempre le stesse, basta l'immaginazione e chissà!

    RispondiElimina